Gelsomino bianco: semina, potatura e manutenzione

Particolarmente apprezzato per i suoi fiori molto profumati, il gelsomino è una pianta rampicante che rende felici i giardinieri. Che si tratti di piantare, potare o prendersi cura del gelsomino, ecco alcuni consigli pratici per ottenere il gelsomino in ottima forma.

Pianta il gelsomino

Il gelsomino è una pianta poco impegnativa quando si tratta di suolo e può persino crescere su terreni sassosi nelle regioni più calde della Francia. È comunque preferibile optare per un terreno ricco, ben drenato, leggero e fresco. Per un migliore drenaggio si possono posizionare dei ciottoli sul fondo del foro che ospiterà il gelsomino in modo da facilitare il flusso dell'acqua alle radici. La scelta della location è fondamentale. Il gelsomino è una pianta amante del calore. Va quindi piantato in un luogo caldo e soleggiato al riparo dal vento. Essendo il gelsomino una pianta rampicante, non bisogna dimenticare di aggiungere un supporto, che sia un traliccio o un tutore. La piantagione dovrebbe s 'eseguire preferibilmente in primavera e il gelsomino può essere piantato in un vaso per decorare un terrazzo o balcone.

La dimensione del gelsomino

Il gelsomino dovrebbe essere potato dopo che è fiorito. In questa occasione, puoi ridurne leggermente il volume ed eliminare tutti i rami danneggiati. Può capitare che alcuni rami del gelsomino siano stati bruciati dal sole. In questo caso, dovrebbero anche essere eliminati. Se hai optato per un gelsomino officinale, con magnifici fiori bianchi, il principio di potatura è diverso. In effetti, questo deve essere fatto a marzo, ma solo una volta ogni due o tre anni. Una potatura troppo frequente di questo tipo di gelsomino comporterebbe una fioritura meno abbondante.

Prendersi cura del gelsomino

Per quanto riguarda l'irrigazione del gelsomino, dovrebbe essere regolare nella stagione secca e più abbondante durante il periodo di fioritura. Per il resto il gelsomino è una pianta che richiede poca manutenzione. Si consiglia di fornirgli un'eccedenza di cibo in primavera e in autunno, sia attraverso letame che compost. Per i gelsomini in vaso, il rinvaso in primavera o in autunno, integrato con granuli per piante da fiore o fertilizzante per rose, darà nuovo vigore. Se l'inverno è rigido, devi proteggere il gelsomino con del pacciame posto alla sua base e un velo da svernamento e la pianta è in un vaso, non esitare a portarla dentro.