Photinia red robin: semina, cura e potatura

Originaria della Nuova Zelanda, la photinia red robin è un arbusto ornamentale con fiori bianchi, noto per i suoi bei giovani germogli rossi che diventano verdi a maturità. Appartenente alla famiglia delle Rosaceae, questa pianta è una specie ibrida derivante da un incrocio, particolarmente coltivata in siepi, aiuole o piante isolate.

Piantare photinia red robin

© Alison Bowden - Fotolia

La messa a dimora della photinia red robin avviene preferibilmente in autunno per favorirne l'attecchimento, oppure in primavera o anche in estate, ma in ogni caso evitando periodi di gelo. Procedere ottenendo una o più piante da un garden center, oppure prelevando talee in estate. Quindi scegli per l'arbusto una posizione soleggiata per una fioritura più abbondante in primavera, o semiombreggiata, al riparo dal vento e su terreno normale. Se è una siepe, mantieni una distanza di circa 80 centimetri tra ogni pianta.

Prendersi cura di photinia red robin

Che sia coltivato in piena terra o in vaso, fornisci fertilizzante photinia red robin in primavera, per favorirne la crescita e la fioritura. Innaffia l'arbusto regolarmente in estate, soprattutto quando fa caldo, per mantenerlo fresco. Puoi anche pacciamare il suo piede. Photinia red robin è sensibile alla ticchiolatura del melo che provoca macchie grigie e verdi sulle sue foglie e quindi la caduta di queste, applica un trattamento specifico in caso di attacco, ed elimina le foglie malate. Infine, nel periodo invernale non è richiesta alcuna manutenzione particolare, la pianta resiste a temperature negative fino a -15 ° C.

Potatura Photinia Red Robin

La photinia red robin viene potata due volte l'anno, per ottenere una crescita e una fioritura più veloci. Fatelo dopo la stagione primaverile e poi alla fine dell'inverno, rimuovendo i rami morti, danneggiati e fragili. Infine, essendo l'arbusto resistente alla potatura, puoi dargli la forma che desideri.